Gabriele Lazzarotti

@ Musicista

Nato a Roma nel ‘76, comincia a suonare a 13 anni partendo dal basso, regalo del padre che lo usava con Rino Gaetano, conosciuto al liceo. Lui invece al liceo incontra Roberto Angelini, trova un tesoro e registra con lui la prima volta su disco nel ’99, quando entra anche negli Elettrojoyce di Filippo Gatti. Da così in alto riesce ad abbindolarne diversi, tanto da arrivare all’appuntamento con Daniele Silvestri nel 2006, sulle note di “Io fortunatamente” e dell’altrettanto profetica “Gino e l’Alfetta”, quest’ultima segnata addirittura da un assolo di basso.

Membro fondatore del Collettivo Angelo Mai e del Collettivo Dal Pane, nel 2011 viene arruolato da Niccolò Fabi, collezionando l’adorato album “Ecco” e diversi adoratissimi tour.

Dal 2014 è il bassista degli Aretuska di Roy Paci. Ha abusato di un suono attufato tra gli altri con Afterhours, Otto Ohm, Epo, Daniel Johnston, Damo Suzuki, Arto Linsday, Francesco Forni, Ilaria Graziano, Giangrande, Giovanni Truppi, Bianco, Awa Ly, Cristina Donà, Marina Rei, Fabrizio Moro, Ghemon, Olivieri-Sbrolli, Luigi Cinque, Andrea Biondi, Salvatore Bonafede e Patrizio Fariselli. Tra le ossessioni per i tratti di Pazienza, le pagine di Ellroy e le riprese di Balagueró, incastra un ingombrante Bianco-Celeste calcistico, stemperato dalla pratica rugbistica invece Tutta Rossa.

È anche il bassista delle trasmissioni di Diego Bianchi – Zoro , Gazebo e Propaganda Live.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni sull'utilizzo dei cookie e sul trattamento dei dati personali sono disponibili sulla pagina Privacy Policy di questo sito.

Chiudi