Elena Bellantoni

Performer @ Performer

Elena Bellantoni (1975) vive e lavora tra Berlino e l’Italia. Si laurea in Arte Contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, studia a Parigi e Londra, dove nel 2007 ottiene un MA in Visual Art al WCA University of Arts London. Approfondisce il video e le arti performative: la sua ricerca si incentra sui concetti di identità ed alterità attraverso dinamiche relazionali che utilizzano il linguaggio ed il corpo come strumenti di interazione. Nel 2007 costituisce Platform Translation Group, nel 2008 crea di 91mQ art project space Berlin e nel 2015 è cofondadrice di Wunderbar Cultral Project. Tra le mostre personali: 2017: DreamEscape Galleria Richter Fine Art; 2016 Hale Yella addio/adios Viamoroni SpazioArte Bergamo; 2015 Lucciole Spazio Alviani, Pescara; 2014 Passo a Due, Careof DOCVA, Milano; Dunque siamo, Fondazione Filiberto Menna al Museo Archelogico di Salerno. Tra le collettive, 2017: Here, There and the in beteween, CFA, Albuquerque New Mexico, USA; Media Art Festival, Museo MAXXI, Roma; 2016: Beyond Borders, Transnational Italy a British School at Rome; The Picutre Club, American Academy in Rome, Al-Tiba9 Algiers Bardo National Museum, Algeria; 2015: Parole Passeggere, il MAXXI esce dal MAXXI alla Stazione Ostiense con l’opera di Francys Alys; Capolavori dalla Collezione Farnesina: uno sguardo sull’arte italiana dagli anni Cinquanta ad oggi, Museo di Arte Contemporanea di Zagabria, Croazia. Tra residenze e workshop: 2016, Soma Residency Mexico City, Messico; 2014: Careof Residency Program DOCVA Milano, Italia. 2017: The Institute of Things to Come, project Room workshop Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino.
Tra i premi: 2017: Premio Speciale Ars Nova 100, vincitrice, Premio Arte Laguna, Pechino. 2014: Finalista Talent Prize, premio Repubblica.it. 2013: vince FestArte/Factory per il concorso I colori del Mondo, Museo Macro. 2012: bando NGBK – Neu Gesllschaft für Bildende Kunst – progetto In Other Words, realizzato presso Kunstraum Kreuzberg Bethanien e NGBK di Berlino. 2010 partecipa al progetto ITaliens – junge Kunst in der Botschaft, Ambasciata Italiana, Berlino. 2009 vince il Movin’up G.A.I. di Torino per un progetto a Santiago del Cile. 2008 residenza con l’artista Francis Alys 98weeks project space, Beirut, Libano.
Collezioni pubbliche: 2014 entra nella Collezione Farnesina, presso il Ministero degli Affari Esteri, Roma.